Migliorare-le-consegne-in-corsia-InfermierOnLine-SmartPack-MedicalEvidence

Passaggio di consegne in corsia: come renderle efficaci e sicure

pubblicato in: Corso ECM FAD | 0

Passaggio di consegne: l’importanza per la continuità assistenziale

Il personale sanitario, e soprattutto l’infermiere, si trova quotidianamente ad affrontare situazioni che richiedono un’accurata e tempestiva comunicazione, soprattutto nel momento del passaggio di consegne, che deve garantire la continuità assistenziale.

Il passaggio di consegne rappresenta un momento fondamentale per la continuità delle cure e per escludere il rischio di errore o di dimenticanza nel percorso di cura.

Una comunicazione scarsa o imprecisa durante il cambio turno, aumenta il rischio di ritardo nella diagnosi, trattamento inadeguato o omissioni di cure.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2007 con il “Communication during patient handovers” ha messo in evidenza il processo di trasmissione delle informazioni, relative al paziente, tra professionisti, con lo scopo di assicurare la continuità e la sicurezza della cura. Per supportare questo, la ricerca ha dimostrato che con l’ausilio di metodi standardizzati c’è un notevole miglioramento qualitativo delle informazioni trasmesse.

La comunicazione secondo la metodologia S.B.A.R.

Un metodo riconosciuto da numerosi studi scientifici è lo S.B.A.R. (Situation, Background, Assessment, Reccomandation), che permette di trasmettere in breve tempo tutte le informazioni utili ed essenziali.

Consiste in una tecnica comunicativa facile da ricordare, che garantisce una comunicazione strutturata e coerente tra il personale coinvolto nell’assistenza sanitaria.

Permette, grazie ad un modello, una sequenza ben precisa di informazioni e una diminuzione degli errori determinati dagli operatori, ottimizzando l’assistenza.

Ideato dalla Marina Militare degli Stati Uniti come metodo comunicativo sui sottomarini nucleari, permette l’invio di messaggi chiari e comprensibili in situazioni ordinarie o di pericolo. Negli anni 90 viene introdotta in ambito sanitario, per migliorare la qualità delle cure mediche e garantire la sicurezza del paziente.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), mettendo in evidenza l’importanza di utilizzare un metodo strutturato nelle consegne Infermieristiche, nel 2007 suggerisce l’utilizzo della tecnica SBAR.

Il metodo, con moduli in formato checklist,  si presta a tutte le modalità di comunicazione: faccia a faccia, telefonica e scritta.

I contenuti della comunicazione sono i seguenti:

  • SITUATION – (Situazione) – Identificazione del paziente e del problema (cosa sta succedendo);
  • BACKGROUND – (Contesto) – breve storia clinico assistenziale;
  • ASSESSMENT – (accertamento) – Come si presenta il paziente in questo momento e quale penso sia il problema;
  • RECCOMENDATION – (Raccomandazioni) – quali interventi devono essere fatti.

L’utilizzo del metodo S.B.A.R. per prevenire errori di comunicazione

Questa tecnica comunicativa permette di trasmettere una quantità notevole di informazioni in modo breve e conciso. Il metodo applicato riduce notevolmente la possibilità di un linguaggio prolisso o sintetico, garantendo di arrivare al focus del problema.

La tecnica SBAR è utilizzata per aiutare i professionisti ad avere uno schema mentale, che serve sia ad evitare il passaggio d’informazioni inutili, che ad organizzare le consegne, in modo da evitare di dimenticare informazioni importanti.

Altro vantaggio della metodologia SBAR è quello di essere una struttura flessibile e adattabile con facilità alle varie unità operative.

La metodologia SBAR migliora la trasmissione delle informazioni e fornisce un modello mentale condiviso, migliorando i rapporti interdisciplinari all’interno delle unità operative, riducendo gli errori nella comunicazione.


Articolo tratto dalla lezione del Dott. Marco Zerbinati: “La trasmissione delle consegne infermieristiche: utilizzo del metodo SBAR”, del Corso ECM Smart Pack 2018: Problemi Etici Di Fine Vita e Comunicazione Tra Operatori Sanitari.

ISCRIVITI SUBITO

Sei un Infermiere? Iscriviti subito al Corso Smart Pack 2018 per avere 9 crediti ECM